Perfida eleganza

Sono stato a Roma all’Assemblea costituente del PD, che però era anche un’apertura della campagna elettorale.
Il presidente dell’Assemblea, Romano Prodi, era un po’ nervoso (ha litigato con i fotografi a intervento già iniziato).
Veltroni ha esposto dodici punti del suo programma, riportati in sintesi da tutti i giornali. Il suo tour delle province italiane farà tappa ad Aosta il 17 marzo.
Il discorso più apprezzato quello di D’Alema, per la consueta perfida eleganza con cui ha ricordato i successi nella politica estera del suo ministero e (ancor più) per i passaggi in cui sbeffeggiava Berlusconi, definito «un reperto archeologico, seppur tirato a lucido».
Ovazioni entusiaste per l’annuncio di Anna Finocchiaro, che correrà in ticket con Rita Borsellino per la presidenza della regione Sicilia. 

Dopo sette ore di interventi, abbiamo votato lo statuto, il codice etico e il manifesto dei valori.
Adesso il partito c’è davvero, e da qui al 13 aprile proverà a recuperare i punti di distacco che i sondaggi ancora gli assegnano rispetto al centrodestra.

Annunci

4 pensieri su “Perfida eleganza

  1. Scusa, è solo il riaffiorare di un ricordo ormai lontano. La battuta di D’Alema ha un simpatico anche se insignificante precedente. Un ex sindaco di rhemes-saint-georges, funzionario regionale diventato ovviamente direttore dopo la riforma 45/95 (Assessorato alla pubblica istruzione, targa UV), durante la riunione di un comitato tecnico in cui si discuteva il PRG del suo comune, incazzatosi perché si intendeva sopprimere la previsione di una zona edificabile contigua ad un’area archeologica in cui erano stati ritrovati alcuni reperti archeologici dell’età del bronzo (su quell’area edificarono poi due dei “boss” locali, fratelli), s’aggrappò con tanta foga alla sedia su cui era seduto, rosso in viso dalla rabbia, che il bracciale gli rimase in mano. Brandendolo esclamò: “Ecco, anche questo è un referto archeologico!”. Son sicuro che D’Alema non è incorso in un simile lapsus (?).
    Ad ogni modo, sono convinto che, comunque vadano le elezioni, questa sia l’ultima volta che un modesto agente di commercio calca le scene politiche nostrane e che pertanto egli si stia proprio avviando a diventare un “referto archeologico”.

  2. A livello locale, un altro “referto archeologico”, seppure molto più modesto, dovrebbe essere Luciano Caveri: stanno cercando disperatamente un luogo di esposizione al pubblico degno di lui ed a lui gradito, ma per il momento, purtroppo, sembra che non lo trovino.

  3. buono il programma ma sono contrario agli eurobond e alla proposta sulle intercettazioni, non so quindi se voterò PD

  4. E’ chiaro che si tratta del nostro “Furbacchione”, guai se non ne avessimo uno anche noi da giocarci in questa partita disperata.

    Poi la politica che si farà sarà quella che sarà. Dipenderà da chi vince e da chi perde, da come e quanto si vince. Quello che si può dire è che oggi il centrodestra non si ritrova più a sparare contro un bersaglio fisso, ma contro uno mobile che va come una scheggia, bruciando tutte le sparate che vorrebbe fare Berlusconi e che non può neppure fare visti i compari – Fini e Bossi – che si ritrova.

    E poi la vera politica la farà il paese se riesce a credere nel rinnovamento, nel cambio di marcia. La politica non è solo spettacolo ma anche progettualità sino all’ultimo uomo e l’ultima donna nella catena di comando.

    Staremo a vedere, domani è un altro giorno e si vedrà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...