Veltroni ad Aosta: un entusiasmo d’altri tempi (e d’altri luoghi)


Ragazzi, qui sta succedendo qualcosa che i sondaggi non sono in grado di intercettare.

Ad Aosta nessuno ricorda, se non nei lontani anni sessanta, un entusiasmo così genuino, una passione così spontanea come quelle che si sono viste questa mattina. Un comizio di Walter Veltroni iniziato a mezzogiorno meno venti, in un orario proibitivo di un giorno feriale, affollato da più di cinquecento persone accalcate nel teatro Giacosa. Tante donne, tantissimi giovani, che sventolavano le bandiere del PD, agitavano i cartelli elettorali e urlavano il loro incitamento al leader del partito.

Mi sono commosso a vedere le facce delle tante persone che si sono prodigate per la riuscita dell’evento, stupite forse dell’intensità di quanto stava avvenendo.

Scene inimmaginabili in una città come Aosta, considerata fredda.

Abbiamo rivisto la passione sincera per la politica onesta e pulita, e Veltroni ha ricambiato tanto affetto. Guidato da mio fratello Claudio, sceso con lui dal pullman, si è recato prima nella sede dei due candidati del Galletto Nicco e Perrin, poi ha stretto mani e scambiato battute con i cittadini. Infine ha scatenato l’entusiasmo del pubblico del Giacosa con il suo discorso. Bravi anche Erika Guichardaz e il segretario regionale Raimondo Donzel, che lo hanno preceduto con due azzeccati interventi, in cui hanno ribadito i due principi cardine su cui si basa la politica del PD valdostano: la questione morale e il rinnovamento.

Quella vista oggi al Giacosa è una passione che non ritroverete nei comizi dei sedicenti candidati istituzionali, che mi raccontano resi chiassosi dagli effetti speciali ma con platee colme soltanto di attivisti e amministratori precettati, di truppe cammellate incapaci di sognare, in un impasto di ipocrisia e di consensi forzati dalla convenienza o dalla conservazione, a difesa della propria briciola di potere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...