Un bidone perfetto

Ho visto il nuovo film di Ferzan Ozpetek, Un giorno perfetto. Una sequenza ininterrotta di disgrazie, fallimenti, delusioni. Non gliene va bene una a nessuno dei personaggi. Non ce n’è uno che non sia nel bel mezzo di una vita infelice. Tutti separati, licenziati, bocciati, picchiati, lasciati, stuprati, suicidati, ammazzati. Non parliamo poi del momento clou del film, quello di lui (Valerio Mastandrea) che uccide i figli e si suicida. Che Ozpetek sia un po’ depresso? E se sì, doveva proprio fare un film? Non poteva prendersi un periodo di aspettativa? E nel fare il film, non poteva evitare di inanellare tutta una serie di urticanti stereotipi? Non poteva risparmiarci la protagonista Isabella Ferrari che lavora in un call center (bastaaaa!!!)? E di farla licenziare perché troppo vecchia? Non poteva trattenersi dal rifilarci il politico carrierista e corrotto che trascura la famiglia?

Vabbè, ho capito, il film è tratto dal romanzo di Melania Mazzucco, ma a parte che adesso mi guarderò bene dal leggerlo, Ozpetek non poteva sfogliare un altro romanzo? Ce n’è tanti.

Annunci

2 pensieri su “Un bidone perfetto

  1. io dei suoi film ho visto le fate ignoranti, la fiestra di fronte e saturno contro.. tutti molto belli, ma terribilmente angoscianti e tutti pieni di stereotipi.. sono curiosa di vedere l’ultimo.
    buon weekend!

  2. Beh, certo Ozpetek è un bravo regista. Ce ne fossero. Per questo si pretende molto da lui. Fammi sapere se sei d’accordo con il mio giudizio impietoso su quest’ultimo film.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...