L’ochetta e l’acchito

Durante gli intervalli pubblicitari del film W. di Oliver Stone, in onda lunedì 19 gennaio su La7 (molto deludente, noiosissimo), ho zappettato su scampoli del Grande Fratello (giuro, solo un minuto, non mi guardate così). È bastato per imbattermi in un monologo della tipa dotata di sesta misura siliconata. Le è stato chiesto se le dispiace essere considerata un’ochetta. Ha risposto che dimostrerà che «oltre all’ochetta c’è dell’altro». Poi ha ripetuto almeno tre volte l’espressione «a primo acchito» (pensava di darsi un tono), per la gioia degli insegnanti d’italiano, consapevoli che ora sarà impresa disperata convincere gli studenti (che hanno come modello di successo la “più che ochetta” e non certo il prof) che non si dice così.
Qualcuno l’ha già detto: la televisione ha creato l’italiano e la televisione lo sta distruggendo.

Ah, poi ho cambiato canale.

Un pensiero su “L’ochetta e l’acchito

  1. Concordo sul giudizio del film, veramente noioso.

    Per il resto non seguo, preferisco non farmi male da solo,
    quando ci riesco……..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...