La questura

Chanoux è stato arrestato dai fascisti o dalla questura?

Su questo interrogativo, notoriamente al centro del dibattito politico regionale, sarà incentrata la prossima assemblea costituente del Pd.
Secondo il segretario Donzel l’Uv propende per la questura, e per questo si è alleata con il PdL, noto covo di repubblichini.
Per il Pd sono invece stati i fascisti (sia pure travestiti da questurini), e perciò l’Uv avrebbe dovuto piuttosto allearsi con il Pd, che diamine.
Con un voto all’unanimità, pur manifestando grande preoccupazione per la rottura degli “equilibri storici” della Valle, l’assemblea si esprimerà per mantenere l’alleanza in comune con gli alleati dei repubblichini in Europa.
Inoltre appoggerà (sempre all’unanimità) il proposito del segretario di “dialogare con i militanti dell’Uv”. A due a due, gli affranti democratici gireranno casa per casa come i testimoni di Geova, proponendo la lettura del Vademecum del buon autonomista.

2 pensieri su “La questura

  1. ormai siamo nel campo della pura metafisica della politica, tipo
    caveri: sono contrario, ma voto a favore
    grimod: sono contrario, ma mi astengo.
    PD: si sono alleati con i “fascisti”, e quindi resistenza collaborativa (ossimoro)
    e avanti di questo passo.

    Sant’Anselmo, aiutaci tu, che di metafisica e ontologia eri un maestro (oltre ad essere valdostano purosangue!)

  2. lasciando da parte le questioni storiche, in fondo rivolin ha solo affermato chiaramente quale è la vera natura dell’UV, ieri, oggi e domani: in questi primi 60 anni ha dovuto privilegiare la cosiddetta “sinistra” esclusivamente per ragioni di opportunità politica, ora le medesime ragioni la portano finalmente a poter indirizzarsi anche alla cosiddetta “destra”. Il suo vero obiettivo, in quanto mouvement nazionalista, analogamente al PNF a suo tempo, è quello di poter far a meno sia dell’una che dell’altra, o meglio di poter utilizzare per i suoi fini (la gestione del potere) o l’una o l’altra, a seconda dei momenti e delle circostanze storiche.
    Alla logica “politica” dell’UV non si può essere neutrali oppure avere verso di essa comportamenti ambigui, così come a suo tempo non si poteva essere ambigui verso il PNF: o si è contrari o la si condivide, diventandone di fatto complici.
    D’altronde quanto sopra è scritto a chiare lettere nello Statuto dell’UV, agli articoli 1 e 2, Statuto che tutti sottovalutano e non prendono alla lettera. E’ lo statuto tipico di una formazione politica che esclude tutte le altre, così come esclude l’alternanza (la democrazia di fatto in luogo di una democrazia formale). Le altre formazioni politiche hanno la sola funzione di esistere per poter giustificare una democrazia formale e per poter essere “usate” dall’UV a seconda delle circostanze storiche per i fini propri dell’UV, che consistono esclusivamente nella conquista e gestione del potere (artt. 1 e 2 dello Statuto).
    Mi rendo conto che l’argomento meriterebbe un più ampio dibattito e approfondimento, ma queste sono le conclusioni a cui si arriverebbe.
    Il che implicherebbe, da parte delle forze democratiche sane, sia quelle che si richiamano al centrosinistra, che quelle che si richiamano al centro destra, tirarne le ovvie e dovute conseguenze, le quali sono abbastanza ovvie.
    L’UV è un movimento politico da isolare, in quanto NON democratico, e con il medesimo non si può avere rapporto alcuno, a nessun livello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...