L’informazione sommersa

Avete notato che La Stampa, pagine valdostane, il 13 maggio 2009 ha lanciato una campagna un cicinìn allarmistica sui rifiuti? “La Valle sommersa dall’immondizia“, era il sobrio titolo del sobrio quotidiano. Sarà felice l’assessora all’inceneritore Manuela Zublena, che ha proprio bisogno di questo tipo di informazione per giustificare l’ingiustificabile.

8 pensieri su “L’informazione sommersa

  1. Era memorabile il titolo della Gazzetta Matin di qualche mese fa, “Aosta come Napoli”. Senza dubbio di cattivissimo gusto, nonostante più di una spiegazione del direttore Mercanti…

  2. credo che, metaforicamente ed astratto dal contesto specifico, il titolo de La Stampa abbia un fondo di verità. Cercando di fare mio un proverbio scandinavo, cerco quotidianamente, nel limite delle mie povere forze, di tenere pulito davanti a casa mia. Eppure trovo di nuovo sempre sporco: ci pensano i vicini (metaforici).

  3. La puzza è tale che caveri, il quale aveva preannunciato che sarebbe andato a votare alle europee (e chi ci pensava? pensavo le avessero ormai già fatte) con la maschera antigas e turandosi il naso, ora sembra preoccupato per l’eventuale astensionismo. Caro caveri, non preoccuparti e non mettere a repentaglio la tua salute: rimani a casa, come ti ha consigliato e ha fatto viérin padre (che non è andato a votare al Conseil fédéral per la candidatura di marguerett’en boss(es).

  4. Il lupo perde il pelo ma non il vizio.
    Sempre molto CORRETTO il sig. Alessandro.
    Mercanti spiegò molto bene il senso del titolo.
    Il problema esiste, che poi le soluzioni proposte da chi governa non soddisfino è legittimo, invece di cogliere l’occasione per gettare fango su un collega sarebbe meglio fare proposte.
    Io inizierei a parlare di incentivi alle aziende che non usano confezioni e imballaggi a perdere (ricordo che quando ero piccolo portavo al negozio le bottiglie di vetro vuote e che la nuova bottiglia si pagava di meno).
    Corrado

  5. La campagna un cicinìn allarmistica de La Stampa ha un fondo di verità oppure no? Se no, perché la fa? Per dare una mano a qualche politico o a qualche forza politica che deve/ono prendere a breve decisioni che, si sa, potrebbero essere male accolte?
    La politica, e in particolare l’Assessora all’Ambiente Manuela Zublena, hanno bisogno di questo tipo di notizie per giustificare l’ingiustificabile? Non hanno il coraggio di giustificare personalmente le loro decisioni? E se no, perché?
    La politica e i politici, in generale e prescindendo dal caso specifico, stanno male, molto male. Non hanno più dignità, decoro.
    L’informazione li segue a ruota.
    Perché?
    Forse dobbiamo dare loro una mano, aiutarli, da soli non ce la fanno.
    Non si rendono neppure conto del vuoto in cui nuotano.
    In fin dei conti è colpa nostra, che li abbiamo votati e così, forse, li vogliamo.

  6. Quante speculazioni, quando la realtà è molto più semplice: possibile che ancora non lo abbiate capito? Spesso ‘dietro’ una notizia non c’è proprio nulla: lo spazio sui giornali va riempito in tempi precisi, soprattutto sui quotidiani. Una cosa vale un’altra, quando devi andare in stampa: il pezzo sui rifiuti o un ‘repeat’ sulla scomparsa dei tedeschi. Spesso è tutta qui la questione.

  7. Un articolo si può pubblicare con mille titoli diversi, non per forza con quello che fa più comodo al governo regionale.
    Comunque, se è solo questione di riempire a caso le pagine, chissà perché La Stampa ha completamente ignorato la notizia sull’infelicissimo piazzamento della Valle D’Aosta nella classifica del ForumPa. In quei giorni si vede che le notizie abbondavano, al momento di andare in stampa. Sfortuna, per i lettori. Fortuna, per il governo regionale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...