Buon Decennio

Recentemente ho molto trascurato il blog, che già non ho mai curato come avrei dovuto, se non nei ritagli di tempo e con poco impegno, a dire il vero. Beh?

Ci scrivo sempre più raramente. Sì.

Manca l’ispirazione? No.

Mancano gli argomenti? No.

Manca un fine? Sì.

Eppure… il suo metabolismo basale (il record giornaliero è di 1.147 visite, ma non scende mai sotto le 250) lo ha portato a raggiungere la ragguardevole quota di 200.000 visite (vedi contatore in alto a sinistra).

Il problema (oddio, problema… diciamo il problemino, esagerùma nèn) è che questo blog era nato con una funzione precisa. Ventisette mesi fa, quando partecipavo attivamente alla vita politica. Era un blog di scopo.

Da allora molte cose sono cambiate. Ma va là? Sì.

Non partecipo più attivamente alla politica, punto primo. (I motivi li sa chi ha seguito il blog).

Secondo: i blog, con l’avvento di Facebook, Twitter, FriendFeed ecc. sono diventati meno efficaci, se non li si nutre interagendo con quelle reti sociali. Io non ho tanta voglia di nutrirlo, devo già dar da mangiare ai gatti.

Terzo: ho provato a trasformare il blog de-personalizzandolo, variando gli argomenti, aprendolo anche a quelli non locali. L’operazione non è riuscita. Eh? Non è riuscita. Un po’ perché il tentativo è stato timido. Ma soprattutto perché non si possono disorientare i lettori, con un prodotto (ehm) né carne né pesce. La storia non si cancella, l’imprinting tantomeno.

Questo blog è stato per lungo tempo il più seguito in Valle (o uno dei più), anche se gli articoli dei giornali locali, quando si occupano dell’argomento, non lo hanno mai scritto. Me tapino.

Che funzione ha avuto? Ne ha avuta una? E’ stata una voce libera (senza padroni o padrini, senza appartenenze ideologiche o partitiche, senza condizionamenti di sorta). Ma serve una voce libera da queste parti? Non lo so più. E adesso comunque qualche altra voce libera in rete c’è (Patuasia, VdaToday, ad esempio). Posso chiudere, se chiudo, senza troppi scrupoli (scrupoli?).

In questi ventisette mesi ho scritto 487 post (compreso questo) e i lettori hanno contribuito con 2.480 commenti, di cui 2.427 approvati (recentemente, superata la fase dell’eccessiva liberalità, ho cancellato a priori persone con cui non gradivo entrare in contatto, perché mi avrebbero avvelenato, non la vita ma i pozzi sì).

I commentatori assidui sono stati una decina. Pochi (pochi?), ma è un fenomeno abbastanza comune. Anche se qui in Valle sicuramente più accentuato. E poi adesso molte persone preferiscono dire la loro su Facebook (spesso un po’ a cazzo, come direbbe una mia amica molto fine).

Scrivo queste riflessioni la sera dell’ultimo giorno del 2009. C’è un po’ di confusione sul fatto che sia la fine del decennio, o degli anni Zero, come sono stati battezzati solo di recente. Forse è una fine anticipata di un anno, ma non importa. Da domani secondo i giornali iniziano gli anni Dieci. Un’altra epoca, dove forse i blog come li abbiamo fatti fino a oggi scompariranno. Nascerà un altro modo di comunicare, e anche Facebook sarà spazzato via (sono in vena di profezie).

Tanti auguri (di buon decennio) a tutti coloro che hanno seguito il blog, in particolare a quelli che l’hanno apprezzato. Quelli che l’hanno detestato, o l’hanno trovato sgradevole, non avranno certamente letto fino a qui.

Il mio arrivo alla maratona di Berlino, davanti a una danese un po' esaltata

Eravamo in centomila

Questo blog ha raggiunto il traguardo delle centomila visite, da ottobre 2007 a oggi. Ha una media di 607 visite al giorno. Credo sia il blog valdostano più frequentato, almeno tra quelli di cui ho notizia.

Come faccio a smettere?

Altri dati statistici, forniti da wordpress:
Record visite in un giorno:
699 — Giovedì 4 dicembre 2008
Articoli:
303
Commenti:
1.558
Categorie:
51
Tag:
725

Oltre gli articoli di interesse nazionale, che ovviamente hanno un’audience maggiore, gli articoli più letti sono stati:

Siamo uomini, o zublene? 1.035 Più statistiche
Rollandin santone subito! 852 Più statistiche
Padre Pio, le valdôtain 587 Più statistiche
Lettera ai miei venticinque elettori 561 Più statistiche
Chi sono 552 Più statistiche
Parenti e affini 499 Più statistiche
Chiedo scusa 482 Più statistiche
L’imperatore dimezzato (per un disguido) 415 Più statistiche
Parole chiare 407 Più statistiche
I pensieri di Rol 399 Più statistiche
Et voilà 397 Più statistiche
L’autonomismo, questo sconosciuto 390 Più statistiche
P2 alla valdostana 377 Più statistiche
Il federalismo fiscale e la “quadra” del 367 Più statistiche
Più non dimandare… 366 Più statistiche
Scelte di campo 339 Più statistiche
Gli incapaci (2): vade retro, trenino 337 Più statistiche
Mettiti a tuo agio 332 Più statistiche
Emily 316 Più statistiche
La Valle d’Aosta non è il Mulino bianco 301 Più statistiche

Ritorno

Di ritorno da un viaggio (valigia non arrivata a Caselle, spero di recuperarla) vedrò di rianimare il blog, fermo a Capodanno. Il paesaggio di Aosta non è cambiato molto da allora. E il resto?

(I commenti adesso funzionano così: sono liberi, ma vengono automaticamente chiusi cinque giorni dopo la pubblicazione del post, per evitare che le discussioni si avvitino su se stesse).